Blog

25 aprile 2015

Sula Ventrebianco /interview

Sabato 25 Aprile 2015 al Cellar Theory, concerto dei “Sula Ventrebianco”.
Al termine intervista nel backstage di Gianfranco Tirelli alla rock band partenopea

DI DOVE SIETE ORIGINARI ?
Siamo tutti di Bacoli eccetto Aldo, il batterista, che è napoletano

DA QUANTO TEMPO SIETE ATTIVI COME GRUPPO ?
Dal 2007

I VOSTRI RIFERIMENTI MUSICALI ?
I Nirvana, una certa dance anni 90’ ed in parte i Rem

E PER QUANTO RIGUARDA I TESTI, DA DOVE TRAETE ISPIRAZIONE ?
[Qui risponde Sasio, il cantante e autore delle liriche] Mi esprimo in italiano piuttosto che in inglese perché ritengo interessante lavorare con la mia lingua, cambiarne talvolta gli accenti, forzare la metrica

DA QUALI LETTURE PROVIENI ? HAI APPROFONDITO PARTICOLARI AUTORI ?
[Ancora Sasio] In verità no, ho ascoltato molto de André, ma preferisco evitare i riferimenti diretti. Nelle canzoni dico semplicemente quel che non riesco ad esprimere con le parole quotidiane

PER DARE UN’IDEA AI LETTORI, QUANTI CONCERTI AVETE TENUTO DURANTE IL 2014 ?
Direi all’incirca 120

ED ORA ? DOVE AVETE TENUTO L’ULTIMO CONCERTO ? E LA PROSSIMA TAPPA ?
Ieri abbiamo suonato a Roma, per la prossima siamo in attesa di sapere se saliremo sul palco del Concerto del Primo Maggio, sempre a Roma. Per la manifestazione di Taranto siamo già tra i sicuri partecipanti; sarebbe davvero un bel colpo suonare sia a Taranto che a Roma nello stesso giorno !

VE LO AUGURO. DOPO TANTI CONCERTI E CON UN’ATTIVITA’ COSÌ INTENSA, CHE IDEA VI SIETE FATTI DELLA SCENA MUSICALE ITALIANA ?
Siamo concentrati quasi esclusivamente nell’attività live, per cui consideriamo fondamentale il contatto col pubblico. Noi pensiamo a fare il nostro lavoro sul palco il meglio possibile e questo ci basta, è ovvio che in Italia, come un po’ dovunque, c’è lo strapotere delle major e delle televisioni, che con i talent danno spazio a cantanti che non hanno fatto alcuna gavetta, questo genera fenomeni che durano al massimo un anno o due.

VOI CHE RAPPORTO AVETE COL PUBBLICO ?
Straordinario, abbiamo uno zoccolo duro che ci segue da tempo e che si tiene costantemente informato sulle date e le novità che ci riguardano, spesso sono anche più aggiornati di noi stessi….

IN GIRO PER L’ITALIA DOVE AVETE MAGGIOR SEGUITO ?
Probabilmente nelle Marche e in Emilia, in generale più in provincia e nei piccoli centri che nelle grandi città, dove la scena musicale è molto dispersiva

POTETE DESCRIVERE IN TRE AGGETTIVI IL PUBBLICO E L’ATMOSFERA DEL CONCERTO DI STASERA ?
Anni 90’, Seattle, “casa nostra”.

[A QUESTO PUNTO SI AFFACCIA IN CAMERINO CARLO DOINO, PRODUTTORE DELLA IKEBANA RECORDS E MANAGER DELLA BAND. È UN’OCCASIONE PER PORRE DUE DOMANDE ANCHE A LUI]

DA QUANTO TEMPO PRODUCI I “SULA VENTREBIANCO” ?
Da tre anni

IN PARTICOLARE QUALI ALBUM DELLA BAND HAI SEGUITO ?
Mi sono occupato della produzione di “Via la faccia” e “Furente”

IL TUO INVESTIMENTO SULLA BAND È STATO RIPAGATO ?
Umanamente sì…

LA FORMAZIONE: Sasio Carannante, voce e chitarra elettrica – Giuseppe Cataldo, chitarra elettrica – Aldo Canditone, batteria – Mirko Grande, basso – Caterina Bianco, violino – Salvatore Carannante, tastiere

Video consigliato “Lingua gonfia” https://www.youtube.com/watch?v=Mtia202bwZo