Evento

Vieni a trovarci!
Data: 30 / Mar / 2017
Orario: 22.00
Indirizzo: Vico Acitillo, 58

M.I. trio

Cellar Theory

M.I. Trio è uno scenario luculliano.

Vacilla tra composizioni inedite, reinterpretazioni di brani della musica afroamericana, ambientazioni free, sonorità sovversive.
Esplora il repertorio alla vecchia maniera, rispettando la tradizione in modo tuttavia malmostoso.
Ricerca spazi indefiniti, all’interno dei quali sviluppa il proprio flusso improvvisativo.

Tutto questo per dire che è uno “Standards Trio”,
e che in pentola bollono alcuni degli maggiori autori del buon vecchio Jazz.

Massimo Imperatore – Guitar
Vincenzo Lamagna – Double Bass
Giuseppe D’Alessandro – Drums

Massimo Imperatore, classe ’88.
Studia privatamente strumento con il M. Umberto Fiorentino, arrangiamento e composizione col M. Andrea Avena, musica d’insieme e improvvisazione con M. Valerio Silvestro. Nel 2012 si laurea in “Musica Jazz” e nel 2015 completa il percorso di studi, conseguendo la laurea di II livello presso il Conservatorio di Napoli “San Pietro A Majella”, con voto 110 e lode/110.
Nel 2013, durante una breve permanenza a Los Angeles, incontra ed ha l’opportunità di studiare col chitarrista Anthony Wilson (Diana Krall). Nel 2015, si trasferisce a New York per un mese, studiando con Nir Felder, Gilad Hekselman, Peter Bernstein, Steve Cardenas, Kenny Werner. Frequenta numerosi seminari di perfezionamento, tra cui Siena Jazz 2012, Tuscia In Jazz 2013 e 2014, Siena Jazz 2014, “Special Master Class di Enrico Rava” (Siena Jazz 2015), studiando ed esibendosi con Mark Turner, Mark Guiliana, John Taylor, Reuben Rogers.
Nel 2011 incide un disco con l’ISMEZ, Andy Middleton e Marco Sannini, dopo una piccola tournée italiana. Nell’estate del 2012 si distingue nel premio internazionale “Jimmy Woode European Jazz Award” (Tuscia in Jazz Festival), vincendo il concorso col gruppo “AH-UM Quartet”.
Dal 2012 a oggi è membro del collettivo Crossroads Improring, ensemble di musica improvvisata.
Nel 2014 è vincitore della selezione “Orchestra Nazionale Jazz – Giovani Talenti”, diretta dal M. Paolo Damiani, diventando chitarrista dell’orchestra, con la quale si esibisce in tutta Europa, incidendo inoltre un disco prodotto dall’etichetta “Camilla Records”. In questo modo ha l’opportunità di suonare nei più importanti festival europei, tra cui Iseo Jazz, Umbria Jazz, Torino Jazz Festival, calcando prestigiosi teatri d’Italia e condividendo il palco con musicisti del calibro di Enrico Rava, Rosario Giuliani, Gianluigi Trovesi, Enrico Intra.
Nel 2015 collabora col batterista Ale Rossi, nel suo progetto “Emancipation”, registrando un disco dall’omonimo titolo, per l’etichetta CAM JAZZ.
Dal 2015 entra nel gruppo “Fitness Forever”, noto gruppo indie napoletano, coi cui registra un disco di prossima uscita per la Elefant Records.
Nel 2016 collabora con Paolo Damiani, suonando nel suo sestetto all’Auditorium Parco della musica.

Nello stesso anno fonda il progetto “Sadhana”, trio che rende omaggio alle musiche di Paul Motian, celebre batterista jazz, con cui incide un disco per l’etichetta PLUS TIMBRE.
Molto attivo come sideman, vanta inoltre collaborazioni del calibro di Dario Deidda, Aldo Vigorito, Massimo Manzi, Paolo Damiani, Marco Sannini, Andy Middleton, Luigi Di Nunzio, Stefano Costanzo, Rosario Giuliani, Elio Martusciello, esibendosi in tutta Europa con diverse formazioni, in numerosi club, festival, rassegne musicali tra cui Iseo Jazz, Umbria Jazz, Les Rendez-vous de l’Erdre (Nantes), “Il Jazz Italiano per L’Aquila”, “Imola in musica”, “Premio Tenco” (Teatro Ariston di Sanremo), Torino Jazz Festival, Auditorium Parco della musica, Istituto Italiano di cultura – Bruxelles, Teatro Puccini di Firenze, Teatro degli Industri di Grosseto, Teatro Eliseo di Roma, Teatro Piccolo Strehler di Milano.